• Pubblicità
  • Ricambio emoglobinico cosa indica

    Ricambio emoglobinico cosa indica Si definisce ricambio emoglobinico, il continuo distruggersi e riformarsi dell’emoglobina e dei globuli rossi a livello ematico indicando così la quantità d’emoglobina che ogni viene distrutta per poi riformarsi in condizioni normali, in modo da determinare una costante quantità di emoglobina nell’arco di tutta la giornata. Invece i soggetti colpiti da […]
    Continua..
  • Aumento dei globuli rossi rame

    Aumento dei globuli rossi rame Tra i minerali indispensabili all’organismo per favorire l’aumento dei globuli rossi bisogna segnalare il rame, in particolare perché permette alle cellule di accedere più velocemente al ferro, accelerando così la produzione di globuli rossi, il ferro a sua volta determina l’incremento dell’apporto di ossigeno nel sangue rendendo più agevole l’espulsione […]
    Continua..
  • Legame del 2,3 difosfoglicerato all’emoglobina

    Legame del 2,3 difosfoglicerato all’emoglobina Il legame del 2,3 DPG all’emoglobina si verifica quando questa proteina ematica si trova nella forma deossigenata, mentre tale legame si scompone a livello polmonare come conseguenza del legame dell’emoglobina con l’ossigeno. Il 2,3 difosfoglicerato (2,3 DPG) è un composto proveniente da un prodotto intermedio della glicolisi che si concentra […]
    Continua..
  • Emopessina e distruzione dei globuli rossi

    Emopessina e distruzione dei globuli rossi Per formulare la diagnosi delle anemie emolitiche si prendono in considerazione diversi dati tra i quali i valori di emopessina plasmatica, una proteina plasmatica che ha la funzione di legare l’eme derivato dalla distruzione dei globuli rossi, l’eme è una molecola funzionale dell’emoglobina incaricata al trasporto dell’ossigeno. Quando i globuli rossi giungono al termine del […]
    Continua..
  • Glicogenosi da deficit di glucosio-6-fosfatasi: manifestazioni

    Glicogenosi da deficit di glucosio-6-fosfatasi: manifestazioni Tra le anomalie ematiche si definisce glicogenosi da deficit di glucosio-6-fosfatasi (G6P) un difetto metabolico dell’enzima glucosio-6 fosfato deidrogenasi a carico dei globuli rossi che risultano suscettibili nei confronti degli agenti ossidanti di natura esogena oppure endogena, in particolare sotto l’azione di farmaci o mediante l’esposizioni da radicali liberi prodotti […]
    Continua..
  • Test di inibizione dell’emoagglutinazione

    Test di inibizione dell’emoagglutinazione In campo medico si ricorre ad una prova sierologica come il test di inibizione dell’emoagglutinazione (hemagglutination assay) principalmente per identificare alcuni agenti patogeni in grado di provocare il fenomeno dell’agglutinazione del sangue o meglio dei globuli rossi, questo perché questi microrganismi hanno sulla superficie degli specifici recettori definiti appunto emoagglutinine, capaci di legarsi alla superficie dei globuli […]
    Continua..
  • Ematocrito basso come si evidenzia

    Ematocrito basso come si evidenzia Per identificare le conseguenze di un ematocrito basso si fa riferimento alle manifestazioni che accompagnano i soggetti che presentano un numero ridotto di globuli rossi rispetto ai valori considerati normali. La misurazione dell’ematocrito (Hct) consente di rilevare la percentuale del volume occupato da globuli rossi, globuli bianchi e piastrine, le cosiddette cellule figurate, in un […]
    Continua..
  • Sindrome di Bernard-Soulier le caratteristiche della malattia ematica

    Sindrome di Bernard-Soulier le caratteristiche della malattia ematica Nell’elenco delle malattie ematiche che hanno una causa genetica figura anche la sindrome di Bernard-Soulier con cui si fa riferimento a diversi disturbi a carattere autosomico recessivo o codominante a carico delle piastrine, interessando selettivamente il recettore del fattore di von Willebrand della coagulazione del sangue. Questa patologia molto rara può assumere in ambito […]
    Continua..
  • Approfondimenti

    Ortica proprietà curative a livello ematico

    Ortica proprietà curative a livello ematico Tra le piante selvatiche ricche di virtù, l’ortica è molto apprezzata anche per le sue proprietà curative a livello ematico grazie ad una composizione variegata di principi attivi quali: silicio, ferro, manganese, potassio, calcio, flavonoidi, cumarina, acidi fenolici, tannini, polisaccaridi, carotene, istamina, acetilcolina, clorofilla, acido gallico, acido formico, vitamine […]
    Continua..
  • Formazione di gruppi carbammato nell’emoglobina come avviene

    Formazione di gruppi carbammato nell’emoglobina come avviene La formazione di gruppi carbammato nell’emoglobina avviene attraverso una specifica reazione di gruppi amminici terminali delle catene di globina con l’anidride carbonica,  in questo modo aumenta la tendenza al rilascio delle restanti molecole di ossigeno legate; attraverso questa reazione si attiva un processo di maggiore stabilizzazione dell’emoproteina, nome con cui si definiscono le […]
    Continua..