Diatesi emorragica cause e sintomi

Comment

Approfondimenti

Diatesi emorragica cause e sintomi

Il soggetto colpito da una condizione di ipocoagulabilità può essere predisposto a diatesi emorragica ossia alla anomala tendenza a sanguinare come conseguenza diretta di un deficit a carico nel sistema di coagulazione. Tra i possibili fattori eziologici che possono provocare questo problema si vengono a distinguere delle cause acquisite, genetiche e dovute ad autoimmunità; tra le cause acquisite vanno segnalate delle condizioni che includono l’anticoagulante con warfarin, ma anche una carenza di vitamina K, oppure una coagulazione intravascolare disseminata ed un’insufficienza epatica; la diatesi emorragica può essere riscontrata nei pazienti colpiti da leucemia, come anche nei soggetti infettati da veleno hemotoxic e da agenti patogeni responsabili di febbri emorragiche virali. Si riscontrano tra le cause genetiche responsabili del quadro patologico della diatesi emorragica alcune mutazioni genetiche, in tal caso si possono evidenziare anomalie dei geni necessari per sintetizzare le proteine ​​fattori della coagulazione che prendono parte al normale meccanismo di coagulazione (quadro clinico delle emofilie e della malattia di Von Willebrand). Si identifica inoltre una condizione di diatesi emorragica legata a cause autoimmuni che riguardano la coagulazione in particolare gli inibitori della coagulazione, l’inibitore principale è diretto contro la coagulazione del Fattore VIII. Altre notizie si trovano su https://www.emoglobina.info/fattori-della-coagulazione-si-attivano/.

Pubblicità

Le principali manifestazioni

diatesi emorragica

diatesi emorragica

I sintomi di diatesi emorragica sono alquanto caratteristici e sono rappresentati da: copiosi episodi di sanguinamento prolungato in seguito a ferite, abrasioni, graffi (si verifica anche sanguinamento delle gengive dopo un’estrazione dentaria, o sanguinamento dopo iniezioni ed interventi di tipo chirurgico); comparsa di lividi in maniera per lo più spontanea e / o periodica; epistassi frequente; petecchie, porpora ed ecchimosi sono visti in leukamia acuta, leukamia cronica ed insufficienza di vitamina K; casi di menorragia che detrminano lo sviluppo di una forma di anemia di diversa entità; grave emorragia post-parto; sangue nelle feci. Dopo aver individuato la causa precisa dell’emorragia è importante seguire un trattamento opportuno, infatti il trattamento dipende dalla condizione di base e di follow-up.

Pubblicità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

9 − 4 =