Elettroforesi emoglobina: come si svolge la procedura

Approfondimenti

Elettroforesi emoglobina

Nei soggetti adulti si distinguono tre diverse forme di emoglobina che sono presente nel sangue con delle percentuali specifiche  e possono essere separate tra di loro grazie alla procedura offerta dall’elettroforesi dell’emoglobina con cui le tre frazioni vengono esaminate singolarmente per evidenziare eventuali anomalie. Attraverso il test di laboratorio dell’elettroforesi si osserva come le molecole biologiche con carica elettrica si muovono con una velocità differente, considerazione la loro carica e le loro dimensioni, all’interno di un campo elettrico separandosi le une dalle altre. Questa separazione per verificarsi necessita  di un supporto poroso su cui è stata passata una soluzione elettrolitica: tale modalità è definita  elettroforesi zonale dal momento che le molecole biologiche della componente proteica rimangono divise in zone distinte. Riassumendo quindi lo scopo dell’elettroforesi si può asserire che questo esame di laboratorio permette di setacciare le molecole che compongono l’emoglobina utilizzando un campo elettrico come supporto. Per approfondimenti si rimanda all’articolo Valori normali emoglobina: elettroforesi a cosa serve.

Pubblicità

Le informazioni fornite

elettroforesi emoglobina

elettroforesi emoglobina

Attraverso l’elettroforesi si ottiene una valutazione qualitativa e quantitativa delle frazione dell’emoglobina, riuscendo così ad identificare la presenza di casi di emoglobinopatie, che spesso portano alla diagnosi dell’anemia mediterranea ossia della beta-talassemia, una malattia genetica molto diffusa tra la popolazione. Dagli esami dell’elettroforesi delle emoglobine si riscontra nei portatori sani di beta-talassemia una concentrazione di emoglobina HbA2 compresa in un range di valori che si attestano tra il 3,5% ed il 5,5%, quando si registrano dei valori inferiori allora il soggetto non può essere considerato portatore di questa malattia genetica. L’elettroforesi dell’emoglobina permette quindi di risalire alla diagnosi dell’anemia mediterranea una condizione patologica che viene a svilupparsi quando l’organismo non è in grado di sintetizzare l’emoglobina in maniera normale, in questo il corpo non viene ossigenato correttamente perché i globuli rossi evidenziano un’anomalia che impedisce loro di trasportare l’ossigeno dai polmoni ai diversi tessuti ed organi del corpo e riportare dai tessuti ai polmoni l’anidride carbonica prodotta. Altre informazioni su Emoglobina valori normali e condizioni di emoglobinopatie.

Pubblicità