Emoglobina A2: valori normali, alti e bassi

Approfondimenti

Emoglobina A2 cosa è

Nei globuli rossi di un soggetto in condizioni sane sono presenti tre diverse frazioni di emoglobina, che si differenziano tra di loro per la diversa struttura delle catene di amminoacidi ma si caratterizza anche per un differente processo di sintesi genetica, si trovano infatti in circolo nel sangue: l’emoglobina fetale (0.3% – 1.2%), la forma di emoglobina A2 (la cui quota si attesta attorno ai livelli di 3.5%), l’emoglobina A (che rappresenta il 96% della totalità della componente proteica). Nella vita intrauterina l’emoglobina A2 (HbA2), composta dalle catene amminoacidi α2δ2, è presente solo in minima quantità nei globuli rossi del feto, subito dopo la nascita questa forma proteica inizia ad aumentare progressivamente così dopo il  dodicesimo mese di vita si attesta sui valori percentuali tipici della vita adulta: vengono considerati normali i livelli di HbA2 compresi nel range tra il 2,0% ed il 3,2%. Per approfondimenti si rimanda alla lettura dell’articolo Emoglobina fetale: le differenze con la componente proteica adulta.

Pubblicità

Valori alti e bassi di emoglobina A2: quali sono le cause

emoglobina A2

emoglobina A2

I valori di emoglobina A2 possono aumentare in presenza di diverse condizioni patologiche quali: ipertiroidismo; casi di anemia emolitica da imputare ad un deficit nel numero dei globuli rossi; anemia megaloblastica causata da una carenza di vitamina B12 oppure di folati; anemia perniciosa dovuta ad una produzione ridotta di globuli rossi causata da un’anomala sintesi del DNA delle cellule. L’aumento di questa forma di emoglobina è da ricondurre anche alla presenza di emoglobinopatie, ossia a delle malattie ereditarie quali le talassemie (beta talassemia major e beta talassemia minore); oppure nei pazienti positivi all’HIV-1 o nei soggetti che presentano il gene α triplicato. In alcune circostanze invece l’emoglobina A2 evidenzia dei valori inferiori rispetto a quelli considerati normali, ed infatti il tasso di questa frazione di emoglobina può diminuire in caso di: alfa e gamma talassemia, oppure in presenza di carenza di ferro, come conseguenza della malattia da emoglobina H. Anche altre patologie possono determinare un calo dell’HbA2 come ad esempio: l’anemia sideropenica, l’anemia sideroblastica, l’eritroleucemia, la persistenza ereditaria di emoglobina fetale, l’emoglobina Lepore. Altre notizie su Emoglobina valori normali e condizioni di emoglobinopatie.

Pubblicità