Category Archives: Emoglobina alta

Emoglobina alta: tutte le indicazioni per leggere le analisi delle urine e capire se è alta; inoltre un approfondimento su quella fetale.

Emoglobina alta urine dovuta all’eccessiva distruzione dei globuli rossi

Emoglobina alta urine da cosa può dipendere

Quando si riscontra la condizione di emoglobinuria ossia di emoglobina alta essa di riversa nelle urine, rappresentando un’anomalia, in quanto in condizioni normali questa proteina non è presente nel sedimento delle urine. L’emoglobinuria rappresenta comunque solo un sintomo che rivela una disfunzione dei processi emolitici, di solito a causa di un’eccessiva distruzione dei globuli rossi si verifica la liberazione dell’emoglobina contenuta nelle emazie lese che tendono a concentrarsi nell’organismo in quanto non avviene un corretto processo di eliminazione dell’emoglobina. Quando la quantità di emoglobina presente in circolo raggiunge dei livelli troppo alti può verificarsi la saturazione dell’aptoglobina, ciò provoca delle difficoltà nella fase di recupero della proteina e come conseguenza non viene smaltita in maniera corretta dal sistema reticolo endoteliale, questo mancato riassorbimento permette all’emoglobina di filtrare nelle urine dove può essere scoperta attraverso un esame di laboratorio. Per ulteriori informazioni su questo argomento si rimanda all’articolo Emoglobina alta: le possibili cause.

Continue reading

Published by:

Emoglobina alta cause di tipo fisiologico e patologico

Emoglobina alta cause: le possibili eziologie

Un livello di emocromo alto può essere ricondotto ad una misurazione di emoglobina alta che dipende da diverse cause che portano l’organismo a produrre un maggior numero di globuli rossi; generalmente i valore dell’emoglobina sono strettamente dipendenti dal numero di globuli rossi, così in presenza di un deficit di eritrociti si evidenzia una riduzione nella misurazione dei livelli di emoglobina rappresentando quindi uno dei sintomi principali dell’anemia. L’eziologia di questa condizione anomala è correlata a diversi fattori anche di natura non patologica quali: l’abuso di fumo; un’eccessiva disidratazione spesso associata ad uno sforzo fisico piuttosto rilevante; il soggiorno in una località di montagna caratterizzata da altitudini importanti dove l’ossigeno respirato è minore rispetto alle condizioni ritenute normali; l’assunzione di determinati farmaci come ad esempio fenitoina, idrossiurea, eparina, metotrexate; i livelli elevati di emoglobina possono evidenziarsi anche nei casi accertati di doping ematico negli sportivi; anche le ustioni possono determinare un aumento dei valori dell’emoglobina. Maggiori informazioni si trovano su Emoglobina alta: le possibili cause. Continue reading

Pubblicità
Published by:

Emoglobina fetale alta: quali sono le principali cause

Emoglobina fetale alta a cosa è dovuta

Con la sigla HbF si indica la forma di emoglobina che permette al feto di ricavare l’ossigeno direttamente dal sangue materno. L’emoglobina F, si attesta su valori diversi fino al primo anno di vita rispetto alla forma adulta, questo perché questa forma è in grado di coniugarsi con l’ossigeno in maniera più stretta rispetto alla proteina adulta, proprio per favorire l’ossigenazione dei tessuti e degli organi del feto attraverso il sangue materno. Il controllo di questo parametro va regolarmente valutato in quanto l’emoglobina fetale alta oppure bassa sono indicatori di possibili patologie, l’HbF più alta rispetto ai valori di riferimento negli adulti è da ricondurre a malattie genetiche quali: persistenza ereditaria di emoglobina fetale, anemia falciforme, beta talassemia, delta-beta talassemia, varianti instabili della catena beta-globinica. Talvolta quando si registra l’aumento dei valori dell’emoglobina fetale questo fattore è dovuto a cause acquisite di tipo patologico come ad esempio: leucemia; tireotossicosi, ossia un eccessivo livello di ormoni tiroidei; coriocarcinoma (formazione tumorale della placenta); epatoma; incompleto sviluppo del midollo osseo. Altre notizie si trovano su Emoglobina alta: le possibili cause. Continue reading

Published by:

Emoglobina alta: le possibili cause

Emoglobina alta diagnosi

Tenendo conto delle relative variazioni che i livelli della proteina contenuta nei globuli rossi possono subire sono strettamente dipendenti da alcuni fattori quali: età, sesso, razza; generalmente si evidenzia un tasso di emoglobina alta quando i valori si attestano al di sopra di 15-17 g/dl. Solitamente il medico consiglia al soggetto di sottoporsi al controllo dei valori dell’emoglobina quando evidenzia dei particolari sintomi che possono far presagire un quadro patologico, in particolare il paziente lamenta disturbi quali: spossatezza, mancanza di respiro, capogiri, affaticamento, vertigini. Se dagli esami del sangue si scoprono delle anomalie nei valori di riferimento, generalmente se si evidenzia un calo, tale fattore, che tra l’altro si rivela alquanto frequente, di norma non desta preoccupazioni. Quando invece si presentano dei livelli più alti dell’emoglobina rispetto al range dei valori normali di riferimento è necessario che il soggetto si sottoponga ad un iter di esami più approfondito per risalire alle cause che determinano quest’alterazione. Per approfondimenti si rimanda all’articolo Emoglobina glicata ifcc: nuovo metodo di riferimento. Continue reading

Published by:

Emoglobina glicata ifcc: nuovo metodo di riferimento

Emoglobina glicata ifcc: significato diagnostico

Il miglior indice per controllare il diabete mellito è l’emoglobina glicata ifcc: il valore viene espresso in percentuale, ma anche basandosi su un nuovo metodo di riferimento indicato identificato con la sigla ifcc, i risultati vengono espressi, a partire dal primo ottobre 2012, in millimoli (mmol) di emoglobina glicosilata per mole di emoglobina totale (mmol/mol). Questo test, che va eseguito con cadenza di circa 3 mesi, consente di rilevare il dosaggio dell’emoglobina, la proteina presente nei globuli rossi che trasporta l’ossigeno ai tessuti, legata a molecole di glucosio, questo esame non richiede il digiuno o una preparazione particolare da parte del soggetto. Grazie all’indice espresso dall’emoglobina glicata ifcc viene valutato il valore dell’emoglobina di tipo A (HbA1c), che rappresenta la percentuale più alta di emoglobina presente nei globuli rossi. Il tasso di emoglobina glicosilata è maggiore se sono stati evidenziati dei livelli alti di glicemia media nei 120 giorni precedenti, questo dato è quindi direttamente correlato alle variazioni periodiche dei valori medi della glicemia. Altre notizie su Emoglobina glicata alta test e trattamento. Continue reading

Published by: