Emoglobina bassa da cosa può dipendere

Emoglobina bassa

Emoglobina bassa: quando si evidenzia

Tenendo conto delle variazioni dovute all’età ed alle differenze di sesso, in genere i valori normali dell’emoglobina non devono essere inferiori a 10 mg/dl, in presenza di un livello di emoglobina bassa è importante indagare le cause per evitare l’insorgenza di gravi danni alla salute. Quando le concentrazioni di emoglobina nel sangue scendono al di sotto dei 13,5 grammi per decilitro nell’uomo, e sotto i 12 grammi per decilitro nella donna si verifica un abbassamento di questa proteina, limitando così il trasporto di ossigeno ai vari tessuti ed organi del corpo umano, per questo è opportuno intervenire rapidamente sottoponendosi all’adeguato iter di accertamenti per determinare cosa ostacola la corretta ossigenazione. Quando l’ossigeno trasportato dal sangue è in presenza ridotta tende a concentrare sugli organi interni, mentre non viene distribuito equamente nelle zone periferiche del corpo non raggiungendo mani e piedi. Un basso livello di emoglobina può dipendere dalla presenza di eventuali ferite aperte, o anche di emorragie interne, da recenti trasfusioni di sangue, o da delle scorrette abitudini alimentari. In genere dei valori bassi di emoglobina possono verificarsi di frequente nelle donne, durante il ciclo mestruale o durante la gravidanza. Ulteriori informazioni si trovano su Emoglobina glicata alta test e trattamento.

Pubblicità

I sintomi tipici della carenza di emoglobina

emoglobina bassa

emoglobina bassa

I valori di emoglobina si abbassano in presenza di alcune malattie caratterizzate da un livello basso di globuli rossi o dalla loro rapida distruzione. L’emoglobina bassa si evidenzia in presenza di patologie che celano una carenza di globuli rossi quali: anemia aplastica, carenza di ferro, leucemia, carcinomi, cirrosi, malattie renali, ipotiroidismo, linfoma di Hodgkin, mieloma multiplo, sindromi mielodisplastiche, avvelenamento da piombo. Altri fattori che determinano un minore tasso di emoglobina sono da collegare ad un eccesivo catabolismo dei globuli rossi da attribuire a patologie quali: anemia falciforme, porfiria, talassemia, vasculiti. I soggetti che evidenziano una carenza di emoglobina presentano una serie di sintomi tipici: pallore, gengive chiare, fiato corto, stanchezza cronica, tachicardia, poca resistenza fisica. Per approfondimenti si rinvia alla lettura dell’articolo Hb emoglobina glicata: per prevedere eventuali complicanze.

Pubblicità