Emoglobina glicata: l’utilizzo dell’esame

Emoglobina glicata

Emoglobina glicata: che cosa è

Con il termine emoglobina glicata o glicosilata si fa riferimento ad un esame eseguito per valutare il livello glicemico del paziente diabetico, attraverso questo controllo è possibile registrare, per un tempo limitato o prolungato, l’andamento medio della glicemia, inoltre il test dell’emoglobina glicata viene impiegato anche nella diagnosi della malattia. L’emoglobina è glicata se circola in un ambiente saturo di glucosio dando luogo così al fenomeno della glicazione, ossia il processo biologico non enzimatico attraverso il quale gli zuccheri si legano tramite un legame covalente alle proteine, nello specifico il glucosio si lega all’emoglobina, formando l’HbA1c o emoglobina glicata: si evidenzia un legame diretto tra la concentrazione ematica di glucosio ed i livelli di emoglobina glicata. Attraverso questo esame che analizza l’indice di glicemia media è possibile quindi prevedere l’eventualità di sviluppare le relative complicanze da imputare al diabete, dimostrandosi così un valido strumento per la stessa diagnosi della patologia. Allo stesso tempo i livelli di emoglobina glicata possono identificare la validità dell’azione terapeutica di un farmaco nei confronti di un soggetto diabetico.

Pubblicità

Emoglobina glicata a cosa serve

emoglobina glicata

emoglobina glicata

L’emoglobina glicata si attesta come un’analisi fondamentale nella valutazione del controllo glico-metabolico, in particolare nei soggetti che soffrono di diabete, fornendo i valori della glicosilazione nel corso degli ultimi tre mesi, in questo arco di tempo i globuli rossi si rinnovano. L’applicazione di questo esame, attraverso il controllo del livello glicemico nel sangue, che viene valutato in base ai livelli di HbA1c, permette di presumere l’andamento della patologia diabetica. Il controllo glicemico è una valutazione importante nei casi di diabete mellito, per questo motivo la valutazione dell’emoglobina glicata rappresenta un parametro utile non solo per la diagnosi del diabete ma anche per verificare l’andamento della patologia cronica. In particolare, l’emoglobina glicosilata registra il grado di glicemia media nel periodo circoscritto agli ultimi tre mesi, l’esame per questo motivo non subisce delle rilevanti alterazioni dei livelli per questo non richiede un precauzionale digiuno di circa otto ore prima del prelievo di sangue.

Pubblicità