Malattia di Vaquez ed emoglobina alta

Emoglobina alta

Malattia di Vaquez: i tratti peculiari

In ambito clinico si parla di policitemia vera o malattia di Vaquez quando nel soggetto si riscontra un anomalo aumento nel sangue periferico del numero dei globuli rossi che si esplica con la proliferazione a carattere persistente non solo della linea eritropoietina, ma anche di quella  piastrinopoietica e granulocitopoietica, in particolare la condizione di leucocitosi è associata anche a dei valori alti di emoglobina. Nello specifico si tratta di una malattia clonale che riguarda la cellula staminale emopoietica ossia la cellula del midollo da cui scaturiscono i globuli rossi, i globuli bianchi, le piastrine. La policitemia vera è una malattia ematologica clonale in quanto si caratterizza essenzialmente con la proliferazione delle cellule viene ereditata da un unico progenitore malato: si riscontra la presenza dei marcatori di clonalità sulle cellule della linea eritropoietica, piastrinopoietica e granulocitopoietica quindi le serie maturative midollari derivano da una stessa cellula progenitrice emopoietica che ha acquisito una o più mutazioni genetiche per cui proliferano. Altre notizie si trovano su Poliglobulia valori di emoglobina alta e gli altri sintomi.

Pubblicità

Come può evolvere la patologia

malattia di Vaquez

malattia di Vaquez

La malattia di Vaquez o policitemia vera aumenta con l’avanzare dell’età, in genere la patologia si diagnostica frequentemente a partire dai 60 anni, non mancano però casi anche tra u soggetti che hanno meno di 40 anni; la maggiore incidenza della condizione patologica si registra nei soggetti di sesso maschile. Questa malattia ematologica di tipo clonale si articola in tre fasi: la fase iniziale viene definita pre-policitemica, in questo caso il soggetto evidenzia eritrocitosi lieve o borderline; nella fase successiva detta policitemia si manifesta principalmente con un aumento della massa eritrocita ria; il decorso della patologia porta poi alla fase tardiva o post-policitemica. La terza fase caratterizza di solito un numero relativamente basso di casi, il soggetto tende ad evidenziare in questa fase un quadro clinico alquanto severo che comprende: anemia, incremento della splenomegalia, fibrosi midollare, mielodisplastica, leucemia acuta. Maggiori informazioni si trovano su Emoglobina alta cause di tipo fisiologico e patologico.

Pubblicità