• Cera il doping del nuovo secolo

     

    Cera un nuovo tipo di doping

    Cera-il-doping-del-nuovo-secolo

    Cera-il-doping-del-nuovo-secolo

    Recentemente il mondo dello sport (mediante il ciclismo) ha
    visto fare capolino ad un nuovo tipo di doping denominato
    Cera, acronimo atto ad indicare Continuous Erythropoietin
    Receptor Activator. In parole povere il Cera è un doping di
    nuova generazione parente stretto dell’epo, la sostanza in
    grado di attivare la produzione di globuli rossi ed aumentare
    quindi l’ossigenazione a livello muscolare. Del resto ad
    aumentare di conseguenza è anche il livello di emoglobina,
    importante in qualsasi settore della vita. Il risultato della
    prova suddetta? Prestazioni decisamente migliori e durature
    dovute ad una maggiore quantità di ossigeno circolante nel
    sangue che dimezza la sensazione di fatica e stanchezza
    muscolare. Dunque il Cera è a tutti gli effetti un farmaco
    dopante, ma non ancora captabile mediante prelievo
    sanguigno ed esame delle urine. Continue reading

    Published by:
  • Latte alimento segreto per combattere l’anemia

    Latte ottimo aiuto contro l’anemia

    Latte-alimento-segreto-per-combattere-l'anemia

    Latte-alimento-segreto-per-combattere-l’anemia

    L’assunzione di latte, in particolar modo di quello arricchito
    con ferro, è un ottimo espediente per combattere l’anemia.
    Addirittura ha maggiore efficacia rispetto alla carne rossa!
    Questa scoperta scientifica sul latte è emersa da uno studio
    neozelandese, edito sull’American Journal of Clinical
    Nutrition. Lo studio in questione sul latte è nato per riuscire
    a combattere ed evitare qualsiasi tipo di carenza di ferro,
    deficit veramente pericoloso in molti casi, perchè può
    comportare anche problemi cognitivi, relazionali e di
    comportamento. Mediamente un uomo adulto presenta fino
    a quattro grammi di ferro nell’organismo, contenuto in
    quantità variabile nell’emoglobina, nella ferritina, nella
    mioglobina, in alcuni enzimi e nella transferrina. Il ferro è
    rilasciato dal midollo osseo. Quando si attestano carenze di
    ferro, l’organismo ricorre a riserve organiche che permettono
    di non soffrire i sintomi tipici di tale deficit. Una delle
    malattie più diffuse legate alla carenza organica di ferro è
    appunto l’anemia, assolutamente da non sottovalutare
    soprattutto se ad incapparvi sono i bambini anche molto
    piccoli. Continue reading

    Pubblicità
    Published by:
  • Vitamina D complesso legame con l’emoglobina

    Vitamina D e il rapporto con l’emoglobina

    Vitamina-D-complesso-legame-con-l'emoglobina

    Vitamina-D-complesso-legame-con-l’emoglobina

    Un recente studio condotto sulla vitamina D, ha evidenziato un suo delicato rapporto con le concentrazioni di
    emoglobina nel sangue, in particolare in quello dei bambini. Lo studio in questione edito sul Journal of Pediatrics, bassi livelli di vitamina D aumentano la probabilità di anemia nei bimbi. Questa ricerca sottolinea un complesso rapporto tra vitamina D ed emoglobina, la proteina globulare presente nei globuli rossi, anche se non è stata ancora provata una vera e propria associazione di causa ed effetto. Non a caso le operazioni relative al binomio bassa vitamina D-anemia, non hanno dimostrato una diretta influenza dello stesso sulla produzione di globuli rossi nel midollo osseo; ugualmente non è stato provato che la vitamina D abbia una diversa capacità di regolare l’infiammazione immunitaria. Continue reading

    Published by:
  • Densità del sangue e valori negli atleti

    Densità del sangue negli atleti

    atletica-ennaqqqLa densità del sangue, in medicina conosciuta come ematocrito, è un altro elemento del tutto dipendente da
    numerose varianti, tramite cui può cambiare più o meno
    rapidamente nel corso del tempo. In particolare la densità
    del sangue è molto influenzata dalla pratica o meno di
    attività sportiva, la quale, in relazione ai livelli a cui è
    praticata, tende ad aumentare notevolmente l’ematocrito
    soprattutto subito dopo una prestazione prolungata; questo
    perchè lo sport è un’attività che inevitabilmente disidrata,
    seppur temporaneamente, l’organismo. In poco tempo
    comunque e già nella fase di recupero il lavoro sinergico tra
    cortisolo e aldosterone stimolano la nuova crescita della
    densità del sangue. In tal senso un atleta di resistenza nel
    tempo come può esserlo un maratoneta mostrerà sempre una
    bassa densità del sangue, esso sarà quindi più fluido.
    Nella densità del sangue un valore però deve essere sempre
    mantenuto alto se ci si vuole assicurare buone prestazioni
    sportive: quello dell’emoglobina. Continue reading

    Published by:
  • Alga spirulina, caratteristiche e proprietà

    Alga spirulina e legame con l’emoglobina

    Alga-spirulina,-caratteristiche-e-proprietà

    Alga-spirulina,-caratteristiche-e-proprietà

    L’alga spirulina nasce e cresce in Messico e in Cina, da secoli è classificata come uno dei cosiddetti superalimenti, in quanto panacea di molti mali.Non a caso l’alga spirulina ha molte potenzialità benevole: stimola l’attività e la reattività del sistema immunitario, aiuta a monitorare il peso corporeo e nei casi in cui è necessario rappresenta una valida alleata per il dimagrimento, favorisce la sintesi dell’emoglobina ed ha una potente funzione antinfiammatoria, anticoagulante e disintossicante. Generalmente l’alga spirulina viene somministrata ed assunta sotto forma di compresse, la quantità da assumere quotidianamente va dai 3 ai 4,5 grammi in relazione alle esigenze personali di ogni soggetto. Continue reading

    Published by:
  • Donatori di sangue aiutati dal gluconato ferroso

    Donatori di sangue, nuova supplementazione

    Donatori-di-sangue-aiutati-dal-gluconato-ferroso

    Donatori-di-sangue-aiutati-dal-gluconato-ferroso

    Da recenti studi medici è emersa un’innovazione importante a favore dei donatori di sangue: essi possono finalmente avvalersi di una supplementazione a base di gluconato ferroso, utile per ripristinare repentinamente livelli ottimali di emoglobina. Tale scoperta è stata effettuata dall’Institute for Transfusion Medicine di Pittsburgh, sottoponendo a prelievo più di duecento donatori di sangue (età compresa fra 18 e 79 anni). Secondo attuali statistiche addirittura il 35% dei donatori di sangue tende a soffrire di carenze ferriniche a causa proprio di tali donazioni. La supplementazione con gluconato ferroso si dimostra essenziale considerando che ha effetti anche sul livello di emoglobina, vitale per la sicurezza dei donatori di sangue dal momento che un livello di ferro troppo basso comporta fatica anormale, diminuzione della capacità di esercizio e deficit neurocognitivi. Continue reading

    Published by:
  • Clorofilla: sostanza energetica e fonte di benessere

    Caratteristiche della clorofilla

    Clorofilla-sostanza-energetica-e-fonte-di-benessere

    Clorofilla-sostanza-energetica-e-fonte-di-benessere

    La clorofilla è una sostanza molto simile all’emoglobina; ecco perchè è spesso utilizzata in particolare per combattere forme di anemia e per migliorare la circolazione sanguigna. La clorofilla è il pigmento presente nei vegetali e ad essa è dovuto il loro tipico colore verde. Ha una struttura molecolare incredibilmente analoga all’emoglobina, infatti da essa si differenzia essenzialmente per un singolo atomo di magnesio posto al centro della molecola, sostituto del ferro che invece caratterizza il centro dell’emoglobina. La clorofilla ha come funzione principale quella di assorbire la luce solare e quindi permettere l’innesco della fotosintesi clorofilliana, processo vitale per tutte le piante. È proprio grazie alla clorofilla inoltre che è possibile avvertire il la freschezza delle verdure verdi. Come già è comprensibile, la clorofilla possiede moltissime virtù importanti, tanto che è considerata un vero rigeneratore cellulare riuscendo ad apportare grandi quantità di ossigeno. Ciò la rende utile nel trattamento di anemie e nella necessità di migliorare il lavoro cardiaco. Questo maggior benessere a livello circolatorio va anche a favorire i processi di cicatrizzazione tissutale. Continue reading

    Published by:
  • Paziente traumatizzato, diminuiscono i livelli di emoglobina

    Emoglobina bassa nel paziente traumatizzato

    Paziente-traumatizzato,-diminuiscono-i-livelli-di-emoglobina

    Paziente-traumatizzato,-diminuiscono-i-livelli-di-emoglobina

    Da tempo si riflette sulla connessione scientifica tra paziente traumatizzato, colto da ansia e paura per l’arrivo in ospedale, e i valori delle sue analisi del sangue, con particolare riferimento ai valori di emoglobina. Generalmente infatti un trauma comporta nella maggior parte dei casi ingente perdita ematica, che può essere dovuta a vari motivi: complicanze organiche quindi interne, traumi esterni con compromissione di distretti corporei specifici ed altro ancora. In un paziente traumatizzato e magari sanguinante, finora non si sono mai tenuti molto in considerazione gli immediati valori di emoglobina e di altri valori indicativi del sangue, in quanto non creduti obiettivi della situazione organica normale del soggetto stesso. Effettivamente tale teoria ha molto di razionale: un paziente traumatizzato che perde anche grandi quantità di sangue e quindi di emoglobina presenta squilibri notevoli a livello di concentrazione ematica dei vari elementi sanguigni. Continue reading

    Published by:
  • Emoglobina fetale: caratteristiche e funzioni

    Cos’è l’emoglobina fetale

    Emoglobina-fetale-caratteristiche-e-funzioni

    Emoglobina-fetale-caratteristiche-e-funzioni

    Nel feto, in particolare nei suoi globuli rossi, è possibile individuare l’emoglobina fetale. Un tipo di emoglobina differente da quella adulta, sotto vari punti di vista ma soprattutto per peculiarità strutturali ben precise. Il feto rappresenta, umanamente parlando la gioia più grande, ma dal punto di vista scientifico, semplicemente il risultato dell’atto di fecondazione attuato tra uomo e donna ma non ancora conclusosi. Il feto però nonostante ciò è un essere vivente in tutto e per tutto, già dotato di forme e caratteristiche dell’essere umano. Il feto, a differenza dell’embrione, non subisce modificazioni negli organi, ma essi maturano in struttura e funzione fino alla fine della gravidanza e quindi al parto. L’emoglobina fetale infatti si differenzia da quella dell’uomo adulto per la presenza di catene gamma diverse da esso, pur mantenendo uguali le catene alfa. Ciò che differenzia le catene gamma dell’emoglobina fetale è il numero di amminoacidi da cui sono composte: differiscono da quelle adulte per 39 amminoacidi. Questo particolare tipo di struttura dell’emoglobina fetale le conferisce una maggiore affinità con l’ossigeno, permettendo una più efficace estrazione dello stesso dal sangue materno. Continue reading

    Published by: