• Pubblicità
  • Emoglobina diminuita conteggio reticolocitario

    Emoglobina diminuita conteggio reticolocitario Tra i parametri utili per la classificazione delle diverse forme di anemia viene esaminata in caso di emoglobina diminuita il conteggio reticolocitario che permette di misurare i reticolociti che rappresentano gli elementi di transizione tra eritroblasti nucleati e globuli rossi, la cui permanenza nel midollo osseo e nel sangue periferico è di 24 […]
    Continua..
  • Cellule del sangue si formano rapidamente dalle cellule staminali: ricerca canadese

    Cellule del sangue si formano rapidamente dalle cellule staminali: ricerca canadese Per circa 60 anni è stata ritenuta vera la teoria secondo la quale la formazione delle cellule ematiche fosse scandita da diversi passaggi intermedi, ma grazie ad uno studio canadese è emerso chiaramente che le cellule del sangue si formano rapidamente dalle cellule staminali. I ricercatori […]
    Continua..
  • Valori dell’ematocrito superiori alla norma

    Valori dell’ematocrito superiori alla norma Diversi fattori i fisiologici ed altri patologici possono influenzare i valori dell’ematocrito con cui si misura il rapporto che intercorre tra gli elementi figurati del sangue ed il plasma, rappresentando quindi il rapporto percentuale tra i globuli rossi e la parte liquida del sangue. Rispetto alle donne, gli uomini presentano un valore superiore […]
    Continua..
  • Saturazione di ossigeno pulsossimetro

    Saturazione di ossigeno pulsossimetro In caso di malattie polmonari ed altre problematiche può subire un calo la percentuale di eritrociti che trasporta quantità fisiologiche di ossigeno con effetti sul livello della saturazione di ossigeno da monitorare con il pulsossimetro. Per una rapida indicazione dei livelli di saturazione ematica si può adoperare un dispositivo di facile […]
    Continua..
  • Curva glicemica nella diagnosi del diabete mellito

    Curva glicemica nella diagnosi del diabete mellito Tra gli esami utili per rilevare alterazioni del metabolismo dei carboidrati, la curva glicemica è un utile strumento per la diagnosi del diabete mellito, si tratta nello specifico di un test di tolleranza al glucosio noto anche con il termine di curva da carico (Oral Glucose Tollerance Test, OGTT) o test da carico […]
    Continua..
  • Idrope fetale con Hb di Bart

    Idrope fetale con Hb di Bart L’assenza di 4 geni alfa-globinici determina l’idrope fetale con Hb di Bart, una malattia dovuta alle mutazioni dei geni HBA1 e HBA2 che costituisce la forma più severa di alfa-talassemia in quanto risulta quasi sempre letale visto che chi ne è affetto presenta delle caratteristiche che risultano non compatibili con la vita extrauterina, […]
    Continua..
  • Diagnosi delle emoglobinopatie

    Diagnosi delle emoglobinopatie Le mutazioni che interessano i geni responsabili della sintesi delle catene globiniche determinano dei disordini genetici quantitativi e/o qualitativi e per la diagnosi delle emoglobinopatie è necessario esaminare degli indici specifici. Una volta individuato il gene coinvolto dal difetto, le emoglobinopatie vengono classificate in talassiemie (alfa, beta, delta beta) e varianti strutturali […]
    Continua..
  • Mutazione genetica dell’anemia falciforme

    Mutazione genetica dell’anemia falciforme La sintesi dell’emoglobina avviene in maniera anomala nei soggetti colpiti dalla mutazione genetica dell’anemia falciforme, in questa patologia ematica la mutazione riguarda una singola base nucleotidica del gene che codifica per la subunità Beta. Nello specifico un adenina sostituisce una timina provocando come conseguenza diretta la sostituzione dell’aminoacido rappresentato dall’acido glutammico […]
    Continua..
  • Riconoscere l’emoglobina bassa dai sintomi

    Riconoscere l’emoglobina bassa dai sintomi Quando le condizioni di salute appaiono più severe è possibile riconoscere l’emoglobina bassa dai sintomi più o meno manifesti, in genere si riscontra nell’uomo una bassa concentrazione di emoglobina quando i valori calano oltre i 12 g/dl, mentre per le donne i valori di emoglobina bassa si attestano solitamente sotto gli […]
    Continua..
  • Emoglobinuria parossistica notturna forma di anemia emolitica cronica

    Emoglobinuria parossistica notturna forma di anemia emolitica cronica Si parla in ambito clinico di emoglobinuria parossistica notturna per definire una forma di anemia emolitica cronica che si evidenzia per la ripetizione nel tempo di episodi di crisi emolitiche notturne in associazione a leucopenia e talvolta trombocitopenia. L’emoglobinuria parossistica notturna è una condizione patologica da ascrivere ad un  disordine clonale delle staminali […]
    Continua..