Emoglobina » Blog Archives

Tag Archives: cause

Diatesi emorragica cause e sintomi

Diatesi emorragica cause e sintomi

Il soggetto colpito da una condizione di ipocoagulabilità può essere predisposto a diatesi emorragica ossia alla anomala tendenza a sanguinare come conseguenza diretta di un deficit a carico nel sistema di coagulazione. Tra i possibili fattori eziologici che possono provocare questo problema si vengono a distinguere delle cause acquisite, genetiche e dovute ad autoimmunità; tra le cause acquisite vanno segnalate delle condizioni che includono l’anticoagulante con warfarin, ma anche una carenza di vitamina K, oppure una coagulazione intravascolare disseminata ed un’insufficienza epatica; la diatesi emorragica può essere riscontrata nei pazienti colpiti da leucemia, come anche nei soggetti infettati da veleno hemotoxic e da agenti patogeni responsabili di febbri emorragiche virali. Si riscontrano tra le cause genetiche responsabili del quadro patologico della diatesi emorragica alcune mutazioni genetiche, in tal caso si possono evidenziare anomalie dei geni necessari per sintetizzare le proteine ​​fattori della coagulazione che prendono parte al normale meccanismo di coagulazione (quadro clinico delle emofilie e della malattia di Von Willebrand). Si identifica inoltre una condizione di diatesi emorragica legata a cause autoimmuni che riguardano la coagulazione in particolare gli inibitori della coagulazione, l’inibitore principale è diretto contro la coagulazione del Fattore VIII. Altre notizie si trovano su https://www.emoglobina.info/fattori-della-coagulazione-si-attivano/. Continue reading

Published by:

Ematocrito basso come si evidenzia

Ematocrito basso come si evidenzia

Per identificare le conseguenze di un ematocrito basso si fa riferimento alle manifestazioni che accompagnano i soggetti che presentano un numero ridotto di globuli rossi rispetto ai valori considerati normali. La misurazione dell’ematocrito (Hct) consente di rilevare la percentuale del volume occupato da globuli rossi, globuli bianchi e piastrine, le cosiddette cellule figurate, in un campione di sangue periferico rispetto al totale. Il riscontro di un ematocrito basso indica che a livello ematico vi è un basso numero di globuli rossi, oppure un loro volume ridotto, questa condizione determina in casi significativi di deficit dei sintomi generici rappresentati da: stanchezza costante non riconducibile ad attività che implicano un dispendio intenso; vertigini; sensazione di capogiro; cefalea; fragilità delle unghie e dei capelli; infiammazione di labbra e lingua; ingrossamento della milza; pallore; debolezza; diminuzione della vista; malessere generale. Continue reading

Pubblicità
Published by:

Ipoferritinemia: cause e dieta

Ipoferritinemia cosa implica

La ferritina è una proteina globulare che accumula il ferro e lo rilascia quando l’organismo ne ha bisogno, quando un soggetto risente di un deficit di tale proteina si parla di ipoferritinemia. Diversi fattori possono determinare l’esaurimento dei depositi di ferro nell’uomo e tra le cause più frequenti bisogna segnalare sia condizioni fisiologiche che patologiche quali: la gravidanza; la malnutrizione; una dieta rigorosamente vegetariana; la celiachia; la diarrea; diverse alterazioni a livello gastrointestinale. Quando si registrano livelli di ferritina bassa il soggetto spesso è asintomatico, ma talvolta quando si evidenziano sintomi si viene a delineare un quadro clinico caratterizzato da delle specifiche manifestazioni quali: pallore diffuso a livello cutaneo, appaiano scolorite anche le mucose e le sclere degli occhi; debolezza muscolare; deficit respiratori; stanchezza; palpitazioni; vertigini; cefalea; milza ingrossata; dolori muscolari ed articolari; ulcerazioni della cocca; sindrome delle gambe senza riposo; irritabilità. Maggiori informazioni si trovano su Emoglobina effetto Bohr: la liberazione di molecole di ossigeno. Continue reading

Published by:

Emoglobina alta cause di tipo fisiologico e patologico

Emoglobina alta cause: le possibili eziologie

Un livello di emocromo alto può essere ricondotto ad una misurazione di emoglobina alta che dipende da diverse cause che portano l’organismo a produrre un maggior numero di globuli rossi; generalmente i valore dell’emoglobina sono strettamente dipendenti dal numero di globuli rossi, così in presenza di un deficit di eritrociti si evidenzia una riduzione nella misurazione dei livelli di emoglobina rappresentando quindi uno dei sintomi principali dell’anemia. L’eziologia di questa condizione anomala è correlata a diversi fattori anche di natura non patologica quali: l’abuso di fumo; un’eccessiva disidratazione spesso associata ad uno sforzo fisico piuttosto rilevante; il soggiorno in una località di montagna caratterizzata da altitudini importanti dove l’ossigeno respirato è minore rispetto alle condizioni ritenute normali; l’assunzione di determinati farmaci come ad esempio fenitoina, idrossiurea, eparina, metotrexate; i livelli elevati di emoglobina possono evidenziarsi anche nei casi accertati di doping ematico negli sportivi; anche le ustioni possono determinare un aumento dei valori dell’emoglobina. Maggiori informazioni si trovano su Emoglobina alta: le possibili cause. Continue reading

Published by:

Emoglobina fetale alta: quali sono le principali cause

Emoglobina fetale alta a cosa è dovuta

Con la sigla HbF si indica la forma di emoglobina che permette al feto di ricavare l’ossigeno direttamente dal sangue materno. L’emoglobina F, si attesta su valori diversi fino al primo anno di vita rispetto alla forma adulta, questo perché questa forma è in grado di coniugarsi con l’ossigeno in maniera più stretta rispetto alla proteina adulta, proprio per favorire l’ossigenazione dei tessuti e degli organi del feto attraverso il sangue materno. Il controllo di questo parametro va regolarmente valutato in quanto l’emoglobina fetale alta oppure bassa sono indicatori di possibili patologie, l’HbF più alta rispetto ai valori di riferimento negli adulti è da ricondurre a malattie genetiche quali: persistenza ereditaria di emoglobina fetale, anemia falciforme, beta talassemia, delta-beta talassemia, varianti instabili della catena beta-globinica. Talvolta quando si registra l’aumento dei valori dell’emoglobina fetale questo fattore è dovuto a cause acquisite di tipo patologico come ad esempio: leucemia; tireotossicosi, ossia un eccessivo livello di ormoni tiroidei; coriocarcinoma (formazione tumorale della placenta); epatoma; incompleto sviluppo del midollo osseo. Altre notizie si trovano su Emoglobina alta: le possibili cause. Continue reading

Published by:

Emoglobina alta: le possibili cause

Emoglobina alta diagnosi

Tenendo conto delle relative variazioni che i livelli della proteina contenuta nei globuli rossi possono subire sono strettamente dipendenti da alcuni fattori quali: età, sesso, razza; generalmente si evidenzia un tasso di emoglobina alta quando i valori si attestano al di sopra di 15-17 g/dl. Solitamente il medico consiglia al soggetto di sottoporsi al controllo dei valori dell’emoglobina quando evidenzia dei particolari sintomi che possono far presagire un quadro patologico, in particolare il paziente lamenta disturbi quali: spossatezza, mancanza di respiro, capogiri, affaticamento, vertigini. Se dagli esami del sangue si scoprono delle anomalie nei valori di riferimento, generalmente se si evidenzia un calo, tale fattore, che tra l’altro si rivela alquanto frequente, di norma non desta preoccupazioni. Quando invece si presentano dei livelli più alti dell’emoglobina rispetto al range dei valori normali di riferimento è necessario che il soggetto si sottoponga ad un iter di esami più approfondito per risalire alle cause che determinano quest’alterazione. Per approfondimenti si rimanda all’articolo Emoglobina glicata ifcc: nuovo metodo di riferimento. Continue reading

Published by:

Emoglobina glicosilata HbA1c: le cause dell’aumento dei valori

Emoglobina glicosilata HbA1c per gestire la glicemia media

Emoglobina glicosilata HbA1c è un indicatore clinico che permette di controllare il diabete di tipo 2 per gestire la glicemia media degli ultimi 2-3 mesi, in questo modo è possibile anche valutare se i valori da un esame all’altro rientrano nel range dei valori di riferimento, avendo così la possibilità di valutare se la terapia seguita è efficace oppure no: se la misura dell’HbA1c è condizionata dalla terapia seguita, allora il  medico potrà modificare il trattamento per riportare i valori nella soglia di normalità che si attesta sui valori ≤ 7%. L’emoglobina glicosilata è un dato preventivo che permette di misurare la quantità di zucchero che si accumula nel sangue: un valore normale di HbA1c evita che si vengano a sviluppare delle condizioni favorevoli che possono causare l’insorgenza di malattie gravi connesse con il decorso della malattia diabetica, in particolare i valori troppo elevati di HbA1c possono determinare l’insorgenza di aggravamenti delle condizioni di salute delle persone affette da diabete di tipo 2 che possono manifestare la comparsa di patologie agli occhi, al cuore, ai reni, ai nervi. Maggiori informazioni si trovano su Emoglobina glicosilata valori: le nuove misurazioni di HbA1c. Continue reading

Published by:

Emoglobina urine cosa evidenzia

Emoglobina urine come risalire alle cause

A causa della rottura intravascolare dei globuli rossi si può verificare la liberazione dell’emoglobina nelle urine: si tratta di una piccola quantità non visibile ad occhio nudo, che può essere riscontrata però attraverso uno specifico esame delle urine. In condizioni normali l’urina non presenta tracce di emoglobina ma per capire le condizioni che determinano questa anomalia il paziente si deve sottoporre ad indagini mediche ed esami più appurati per verificare se l’emoglobina proviene dalle urine, e non dagli organi genitali o dalla regione anale. In questo caso vengono prescritti degli esami semplici, tra i quali figurano anche dei test che permettono di identificare la causa che determina l’emoglobinuria. I soggetti che presentano tracce di emoglobina nelle urine sono spesso colpiti da dei caratteristici sintomi che sono da correlare con diverse patologie. Tra i principali sintomi che possono accompagnarsi con la manifestazione dell’emoglobinuria bisogna menzionare: l’insorgenza di  brividi, stadi febbrili, un diffuso pallore a livello cutaneo, casi di tachicardia, l’ingrossamento della milza, itterizia, respiro corto. Ulteriori notizie su questo argomento si trovano su Emoglobina nelle urine: perché si verifica l’emoglobinuria. Continue reading

Published by:

Cause emoglobina bassa da cosa dipendono

Cause emoglobina bassa

Quali sono le cause dell’emoglobina bassa? Se il tasso di emoglobina nel sangue presenta un livello minore rispetto alle condizioni considerate normali nella maggior parte dei casi l’organismo evidenzia una carenza di globuli rossi provocato da un deficit di sangue ossigenato presente in circolo nel corpo di un soggetto determinando l’insorgenza dell’anemia. L’anemia si verifica quando il paziente presenta una carenza di globuli rossi e viene diagnosticata misurando il livello di emoglobina attraverso un semplice esame del sangue. Il valore di emoglobina bassa con cui si rileva la presenza dell’anemia si registra sui livelli al di sotto dei 12.0 g/dl nell’uomo e di 10.6 g/dl nella donna. Le cause che determinano una riduzione dei livelli di emoglobina bassa possono essere differenti, generalmente dipendono dalle perdite di sangue (acute o croniche), in alcuni casi una ridotta produzione di globuli rossi è da attribuire ad una carenza di ferro, ma anche di altre sostanze fondamentali per la salute dell’organismo quali: deficit di acido folico, vitamina B12, rame, cobalto. Maggiori notizie si trovano su Emoglobina bassa rischi: l’importanza dei controlli periodici. Continue reading

Published by:

Emoglobina bassa cause: le diverse forme di anemia

Emoglobina bassa cause: anemie da carenza di vitamine

Quando nel sangue si scopre un livello di emoglobina bassa bisogna risalire alle cause, in questo caso si parla di anemia che si manifesta quando l’organismo ha un ridotto numero di globuli rossi sani: chi soffre di anemia non riceve una quantità sufficiente di sangue ossigenato, l’abbassamento dell’emoglobina si verifica quando l’organismo risulta carente la quantità di ferro. Tenendo conto dell’abbassamento dei livelli dell’emoglobina in relazione ai valori normali, l’anemia può essere classificata in lieve, moderata o grave. L’anemia può essere un disturbo passeggero nelle condizioni meno gravi, invece quando il disturbo diventa cronico bisogna quindi identificare la forma di anemia di cui si soffre dal momento che le forme lievi sono più facili da curabili mentre quelle più gravi richiedono un trattamento più intenso. Le cause che determinano l’insorgenza di anemia possono essere attribuite ad una carenza di ferro o anche ad un deficit di vitamine quali B6, B12, B9. Per approfondimenti si rimanda all’articolo Emoglobina bassa da cosa può dipendere. Continue reading

Published by: